MENTAL TRAINING


Il Taekwondo CUS Milano offre servizi di Mental Training individuale e corsi di preparazione mentale per sportivi e aziende.

Mental Training individuale

Con il Mental Training, l’atleta non impara soltanto a contenere la pressione, ma a gestire le emozioni, ricevendo sostegno dalla mente.

Scopri di più

Corsi attivi per atleti e tecnici

Adatto ai praticanti di tutti gli sport, il corso intende avviare l’atleta a una pratica agonistica sana, gioiosa e ricca di soddisfazioni.

Scopri di più

Corsi attivi per aziende

Le tecniche di Mental Training adottate nello sport trovano naturale applicazione anche nella vita professionale e aziendale.

Scopri di più

COACHING E FORMAZIONE MENTALE INDIVIDUALE PER ATLETI

Domande frequenti

A cosa serve il Mental Training?

Il Mental Training sviluppa quelle abilità mentali che nella prestazione sportiva ottimale devono necessariamente affiancare le abilità fisiche e tecniche. Le abilità mentali di base sono concentrazione, gestione della motivazione e controllo dell’attivazione psicofisica.

Chi ha bisogno del Mental Training?

Al Mental Training si avvicinano più frequentemente atleti con problemi di ansia ed emotività. Ma il Mental Training offre sostegno in tutte le fasi della vita sportiva. Dal pre-allenamento all’analisi post-gara. Dalla definizione degli obiettivi agonistici al recupero da un infortunio.

Con il Mental Training, l’atleta non impara soltanto a contenere la pressione, ma a gestire tutte le emozioni, come anche la rabbia, l’apatia, lo scoramento e il dolore cronico, ricevendo dalla mente un sostegno concreto in tutti i momenti di difficoltà.

In che cosa consiste il Mental Training?

A seconda delle esigenze dell’atleta, il Mental Trainer interviene con un programma personalizzato, seguendo individualmente il cliente per un periodo concordato. Tra le tecniche di uso più comune, citiamo il rilassamento profondo, l’allenamento ideomotorio, il training autogeno e il dialogo interno.

Ma il Mental Training non è solo un insieme di ‘tecniche’. Il Mental Training è prima di tutto un metodo per lo sviluppo della consapevolezza, della responsabilità e della fiducia dello sportivo. Il Mental Training (ri)educa l’atleta all’autonoma ed efficace gestione di sé, non alla dipendenza da un motivatore esterno.

Che differenza c’è tra Mental Training e Mental Coaching?

All’atto pratico, nessuna. “Training” si riferisce più al repertorio di tecniche che il professionista insegna al cliente. Il “Coaching” consiste nell’aiutare il cliente a esplodere il suo potenziale grazie a una migliore conoscenza di sé e all’uso organizzato di risorse che già possiede ma non sa utilizzare. Per seguire un atleta in modo completo, è indispensabile che un Mental Trainer/Coach faccia entrambe le cose.

È possibile fare una prova?

Certamente! Contattaci per un primo colloquio completamente gratuito e senza impegno. Ci racconterai di te e scopriremo insieme come il Mental Training possa aiutarti a realizzare i tuoi obiettivi.

CORSI DI PREPARAZIONE MENTALE PER ATLETI E TECNICI

Mental Training I° livello

Formazione della mentalità agonistica

Adatto ai praticanti di tutti gli sport, il corso intende avviare l’atleta a una pratica agonistica sana, gioiosa e ricca di soddisfazioni. Dall’analisi della motivazione, l’atleta viene introdotto a una cultura della prestazione entro la quale la vittoria sarà una conseguenza e non una condizione dello star bene con il proprio sport.

Con contributi multimediali dalle recenti Olimpiadi di Rio, si verificherà come una mente correttamente formata sia non solo la chiave di grandi successi, ma anche la miglior prevenzione ai fenomeni di ansia, burnout e disamoramento dallo sport che funestano la carriera di atleti anche affermati.

Scopo ultimo del corso è gettare le basi di una mentalità attrezzata a ottenere il massimo dalle proprie prestazioni atletiche, ma soprattutto migliorare la qualità della vita degli atleti, indipendentemente dall’età, dal livello a cui competono e dai risultati che otterranno.

Sintesi del programma:

  • 1. Analisi della motivazione
  • Motivazioni sane e motivazioni tossiche

    Motivazioni sane

    Perfezionare una motivazione ambigua

    Ripensare una motivazione tossica

    Case Study: Tania Cagnotto, argento e bronzo nei tuffi a Rio 2016

  • 2. Sviluppo della consapevolezza
  • Cultura del risultato e cultura della prestazione

    La trappola del focus sul risultato

    Vivere produttivamente le sconfitt

    Difendersi dai sabotaggi mentali

    Ribellarsi al ricatto emotivo del risultato

    Case Study: Niccolò Campriani, due volte oro olimpico nella carabina a Rio 2016

  • 3. Gli obiettivi competitivi
  • Radicamento nel presente e piacere della prestazione

    Concentrazione, per una definizione condivisa

    Il presente, dove tutto accade

    Essere il gesto tecnico, non eseguirlo

    “Fino all’ultimo secondo”: la finale maschile -80Kg di Taekwondo a Rio 2016

  • 4. La Paura
  • Prevenzione, accettazione

    La formazione mentale degli atleti come prevenzione dei fenomeni d’ansia e della

    sofferenza psichica nello sport

Il corso si articola in 2-3 incontri di 2-3 ore ciascuno. Durata e costi variano in base a numero e tipologia di destinatari (scuole, società sportive, singoli atleti). È possibile la definizione di date per corsi ad personam o su richiesta di singole società e istituti. Il programma è adatto agli atleti di tutte le età. Con i più giovani, la metodologia prevede una semplificazione del linguaggio e la predominanza del dialogo rispetto alla formazione frontale.. Per informazioni, CONTATTACI.

CORSI DI MENTAL TRAINING PER AZIENDE

“La mente dei campioni”

Il Mental Training sportivo per lo sviluppo mentale, fisico e relazionale in azienda

Le tecniche di Mental Training adottate nello sport trovano naturale applicazione anche nella vita professionale e aziendale. Un uso addestrato della mente agevola la quotidianità lavorativa, sviluppa la fiducia in se stessi, orienta e coltiva la motivazione, migliora consapevolezza e responsabilità. Sottopone ad azione di controllo ansia, emozioni e pensieri, richiamando alla bisogna quelli potenzianti e neutralizzando quelli negativi.

Un’offerta formativa incentrata sul Mental Training sportivo consente altresì di superare le resistenze (anche giustificate) che le risorse umane talvolta oppongono a interventi didattici percepiti come forzosi e intrusivi. Lo sport è invece interesse di larghissima parte della popolazione. La curiosità prevale così sulla diffidenza, grazie alla sottesa libertà dei corsisti di sperimentare o meno il Mental Training appreso anche nella sfera professionale e privata. Oltre che naturalmente sportiva.

Proposta sintetica del programma (il cliente può selezionare o richiedere di concentrare la formazione su taluni moduli

  • 1. Il Mental Training
  • Le abilità mentali per la competizione: scoprirle, allenarle, svilupparle

  • 2. Sviluppo della consapevolezza
  • Analisi e gestione della motivazione profonda

    Valore dell’autodecisione e promozione della responsabilità

  • 3. Gli obiettivi competitivi
  • Le regole di un obiettivo ben formulato (per non fallire prima di cominciare)

    Programmazione e revisione del piano di azione

    Autovalutazione e strategie di ri-motivazione continua

  • 4. Focus
  • Concentrazione, significato e metodi

    Promozione selettiva dei tipi di attenzione

    Ancoraggio al presente e piacere della performance

  • 5. La visualizzazione
  • Apprendere con gli occhi: la modellazione

    Perfezionarsi con l’immaginazione: l’automodellazione

    Pre-vivere e rivivere una prestazione

  • 6. Il Mental Training di squadra
  • Dinamiche di gruppo:

    ansia, accettazione e approvazione

    competizione interna

    competizione esterna

    Costituzione della mentalità plurale

    La squadra come moltiplicatore di energia

    I fattori di coesione di una squadra

  • 7. ‘Arousal’ e stress
  • Somministrarsi emozioni opportune

    Costruzione e rieducazione mentale

    Modulazione dell'arousal (attivazione psicofisica)

    Abbassare l’arousal: controllo dell’ansia

    Alzare l’arousal: caricarsi per la prestazione

  • 8. Autocontrollo fisico e mentale
  • Controllare il corpo per controllare la mente

    Tecniche di rilassamento progressivo

    Il ruolo della postura

    Controllare la mente per controllare il corpo

    Training autogeno

    Tecniche di radicamento

  • 9. Controllo delle emozioni e dei pensieri:
  • Autostima e autoefficacia

    Dialogo interno: rinforzo dell’io e formulazione positiva

    La “trance agonistica”: Stato di Flow e Peak Performance

    Richiamare gli stati di grazia

  • 10. Controllo dei picchi disfunzionali
  • Gestione di vittoria e sconfitta

    Allenamento mentale nel pre e post-allenamento

Suddivisione in moduli a concentrazione e durata variabile, a seconda delle richieste e dell’inserimento o meno del programma in più ampi eventi o protocolli di formazione. La durata tipica e ideale è di due giornate full-time, ma può essere ri-suddivisa secondo diverse esigenze di frazionamento. Per informazioni, CONTATTACI.

Sei interessato? Contatta il nostro Staff
Scopri di più